"Il Padre Nostro"

“Uomo nuovo può, in verità, chiamare Dio col nome di Padre” afferma San Cipriano (210-248), vescovo di Cartagine. E aggiunge: “quando recitiamo il Padre nostro, in noi si compie la promessa di Gesù riguardo ai veri adoratori, che adorano il Padre “in spirito e verità (Gv 4,23). Cristo, che è la Verità, ci ha donato queste parole, e in esse ci dona lo Spirito Santo” (cfr De domenica orazione, 2).

E la novità sta nell’essere e nel vivere da “figli” nel Figlio di Dio.

 

Il Padre Nostro, pertanto, è uno stile di vita:

  • Non posso dire PADRE, se non mi comporto da figlio. Non posso dire NOSTRO, se vivo chiuso nel mio egoismo.
  •  

  • Non posso dire CHE SEI NEI CIELI, se mi preoccupo solo delle cose della terra.
  •  

  • Non posso dire SIA SANTIFICATO IL TUO NOME, se non ti onoro e non ti amo.
  •  

  • Non posso dire VENGA IL TUO REGNO, se penso solo ai miei interessi.
  •  

  • Non posso dire SIA FATTA LA TUA VOLONTA’, se non l’accetto quando non combacia con la mia.
  •  

  • Non posso dire DACCI OGGI IL NOSTRO PANE, se non m’importa di chi ha fame.
  •  

  • Non posso dire RIMETTI I NOSTRI DEBITI, se continuo a conservare rancore.
  •  

  • Non posso dire NON C’INDURRE IN TENTAZIONE, se ho intenzione di continuare a peccare.
  •  

  • Non posso dire LIBERACI DAL MALE, se non combatto ciò che non è buono.
  •  

  • Non posso dire AMEN, se non prendo sul serio le parole del Padre Nostro”.

Santa Bernardetta, con la sua vita di preghiera e di azione, è immagine di come un figlio si pone in relazione col Padre ed è, nello stesso tempo, sorella di intercessione

 

IL DESIDERIO DELLA PREGHIERA 

ALLA SCUOLA DEL MAESTRO 

LA PREGHIERA DEL PADRE NOSTRO 

PREGHIERA E SERVIZIO 

 

  • TEMA PASTORALE 2010
  • TEMA PASTORALE 2012
  • TEMA PASTORALE 2013